Sul cappello

Sul cappello, sul cappello che noi portiamo
c'Ŕ una lunga, c'Ŕ una lunga penna nera,
che a noi serve, che a noi serve la bandiera
su pei monti, su pei monti a guerreggiar.

Evviva viva il reggimento.
Evviva viva il corpo degli Alpin.
Evviva viva il reggimento.
Evviva viva il corpo degli Alpin.
Oi la lÓ.

Su pei monti, su pei monti che noi andremo
coglieremo, coglieremo le stelle al˛pine
per donarle, per donarle alle bambine,
farle piangere, farle piangere e sospirar.

Evviva viva...

Su pei monti, su pei monti che noi saremo
pianteremo, pianteremo l'accampamento
brinderemo, brinderemo al reggimento,
viva il corpo, viva il corpo degli Alpin.
Oi la lÓ.

 

Aprite le porte

Aprite le porte
che passano,
che passano,
aprite le porte
che passano
i baldi Alpin.

Come la marcia ben la banda, la banda;
come la marcia ben la banda, la banda;
come la marcia ben la banda, la banda;
come la marcia ben la banda degli Alpin.

 

 La tradotta

La tradotta che parte da Torino
a MIlano non si ferma pi¨,
ma la va diretta al Piave,
ma la va diretta al Piave.
La tradotta che parte da Torino
aMilano non si ferma pio¨,
ma la va diretta al Piave,
cimitero della giovent¨.

Siam partiti, siam partiti in ventinove,
solo in sette siam tornati qua:
e gli altri ventidue...
sono morti a San DonÓ.

Cara suora, cara suora son ferito:
a domani non ci arrivo pi¨.
Se non c'Ŕ la mamma mia...
un bel fiore me lo porti tu!

A Nervasa, a Nervasa c'Ŕ una croce:
mio fratello Ŕ sepolto lÓ.
Io ci ho scritto su Ninetto...
e la mamma lo ritroverÓ.

 

 Monte nero

Monte nero, monte rosso,
traditor della vita mia,
ho lasciato la mamma mia
per venirti a conquistar.

Per venirti a conquistare
ho perduto tanti compagni,
tutti giovani sui vent'anni:
la sua vita non torna pi¨.

Colonnello che piangeva
aveder tanto macello;
su coraggio alpino bello,
che l'onore sarÓ per te.

 

 Bella ciao

Una mattina mi son svegliato,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
una mattina mi son svegliato
e ho trovato l'invasor.

O partigiano portami via,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
o partigiano portami via
che mi sento di morir.

E se io muoio da partigiano,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e se io muoio da partigiano,
tu mi devi seppellir.

E seppellire lass¨ in montagna,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e seppellire lass¨ in montagna,
sotto l'ombra di un bel fior.

E poi le genti che passeranno
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e poi le genti che passeranno
mi diranno che bel fior.

E questo Ŕ il fiore del partigiano
o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao,
e questo Ŕ il fiore del partigiano
morto per la libertÓ.

 

 Quel mazzolin di fiori

Quel mazzolin di fiori,
che vien dalla montagna;
quel mazzolin di fiori,
che vien dalla montagna;
e bada ben che non si bagna,
che lo voglio regalar;
e bada ben che non si bagna,
che lo voglio regalar.

Lo voglio regalare
perchŔ l'Ŕ un bel mazzetto;
lo voglio dare al mio moretto
questa sera quando 'l vien.

Stasera quando 'l viene,
sarÓ una brutta sera;
e perchŔ lu sabato sera
lu non Ŕ vegnu da me.

Non Ŕ vegnu da me,
l'Ŕ andÓ dalla Rosina;
e perchŔ mi son poverina
mi fa pianger, sospirar.

 

 La Santa Caterina

La santa Caterina
biri bim, biri bim, biri bim, bum bum,
la santa Caterina
biri bim, biri bim, biri bim, bum bum.
Era figlia di un re, di un re, di un re,
era figlia di un re, di un re, di un re,
er figlia di un re!

Suo padre era un pagano, biri bim...
la madre invece no!

Un giorno che in preghiera, biri bim...
il padre la trov˛!

Che fai o Caternia, biri bim...
in quella posa lý?

Io prego Iddio, mio padre, biri bim...
che non conosci tu.

Deh, lascia quella posa, biri bim...
o io ti uccider˛!

Uccidimi o padre, biri bim...
ma io non ceder˛!

E al colmo del furore, biri bim...
il padre la colpý.

E gli angeli del cielo, biri bim...
cantaron "Gloria".

 

 La valsugana

Quando saremo fora, fora della Valsugana,
quando saremo fora, fora della Valsugana,
noi andrem trovar la mamma,
per veder come la sta,
per veder come la sta.

La mamma la sta bene, il papÓ l'Ŕ ammalato;
la mamma la sta bene, il papÓ l'Ŕ ammalato;
il mio ben partir soldato,
chi sa quando tornerÓ,
chi sa quando tornerÓ.

Tuti me dis che lu 'l se giÓ truvÓ 'n'altra morosa;
tuti me dis che lu 'l se giÓ truvÓ 'n'altra morosa;
Ŕ una storia dolorosa,
che mi credere non so,
che mi credere non so.

 

Tutti i contenuti di questo sito sono Copyright ę 2003 - www.mobrici.it - Tutti i diritti riservati / All rights reserved.
E' vietata la riproduzione anche parziale senza il consenso dell'autore.

Web design Gianfranco Mobrici