Son tre notti che non dormo

Son tre notti che non dormo, l, l,
sempre penso al mio galletto, l, l,
l'ho perduto, l, l,
non lo posso pi trovar.

Ho girato l'inghilterra, l, l,
e poi tutta la Germania, l, l,
poi la Francia, l, l,
poi la Spagna, l, l,
fino in cima al Per.

A voi donne io lo dico, l, l,
se per caso lo vedete, l, l,
con bel garbo, l, l,
lo prendete, l, l,
lo portate fino a me.

Ha la coda inargentata, l, l,
ha le piume ben dorate, l, l,
drizza il collo, l, l,
apre il becco, l, l,
e poi fa chicciricch.

 

 O pescator dell'onda

O pescator dell'onda, Fidolin,
o pescator dell'onda, Fidolin.
Gi il sole in cielo appare,
l'ora di pescare, il vento se ne va.
Fidolin, pescator, ohil! Fidolin.

Il sole irradia l'onda, calmo il mar,
il sole irradia l'onda, calmo il mar.
Va pure a navigare, le reti va a calare,
ricco il nostro mar.
Fidolin, pescator, ohil! Fidolin.

 

 Il barcarol del brenta

Ohi barcarol del Brenta
prestami la barchetta,
v andare in gondoletta
lungo la riva del mar;
v andare in gondoletta
lungo la riva del mar.

S, s che te la presto,
purch me la ritorni:
ma s'ella si sprofonda
non ci vedremo mai pi;
ma s'ella si sprofonda
non ci vedremo mai pi.

La barca partita
tutta vestita a festa,
ma venne la tempesta
e tutta sprofond;
ma venne la tempesta
e tutta sprofond.

Per cinque giorni e notti
vagaron per il porto
a ricercare il morto,
ma nol trovarono pi;
a ricercare il morto,
ma nol trovarono pi.

La barca ritornata
tutta vestita a nero.
Addio bel gondoliero,
non ci vedremo mai pi;
addio bel gondoliero,
nonj ci vedremo mai pi.

 

 La bella la impasta i gnocchi

La bella la impasta i gnocchi,
nanoti fufoti la fusta coti;
la bella impasta i gnocchi,
su l'asse del mulin.

L'impasta tanto duri,
nanuri fufuri la fusta curi,
l'impasta tanto duri,
che i boje quindes d.

L'intasta sette piane,
nanane fufane la fusta cane,
l'intasta sette piane,
veder se l' sal.

L'intasta altre otto,
nanoto fufoto la fusta coto,
l'intasta altre otto,
la bella l' sazi.

La va in camera a far su el leto,
naneto fufeto la fusta cheto;
la va in camera a far su el leto,
e la se buta l.

Vien casa so mario,
nanio fufio la fusta chio,
vien casa so mario,
el ghe dis cossa la g.

"A go magn un gnoccheto,
maneto fufeto la fusta cheto,
a go magn un gnocheto,
el me gna fato mal".

'Nadarem ciamar el dottore,
nanore fufore la fusta core,
'ndarem ciamar el dottore,
veder cossa la g.

El dottore l' riv.
La panza xe sciop.
El mascio de so mario
el se li g magn.

 

 La biondina in gondoletta

La biondina in gondoletta
l'altra sera g'o men;
dal piaser la povareta
la s'a in bota indoemenz.
La dormiva su sto brazo,
mi ogni tanto la svegliava,
mi ogni tanto la svegliava,
ma la barca che minava
la tornava a indormenzar,
ma la barca che minava
la tornava a indormenzar.

Giera in cielo mezzo sconta
fra le nuvole la luna;
giera in calma la laguna
giera il vento bonaz.
Una sola bavesella
sventolava i s caveli (2 v.);
e fazeva che dai veli
sconto el sen non fosse pi (2 v.).

Contemplando fisso fisso
le fattesse del mio ben,
quel visetto cos lisso,
quella bocca e quel bel sen,
me sentiva dentro el petto
una smania, un missiamento (2 v.),
una specie de contento
che non s come spiegar (2 v.).

 

 I d gobeti

L'altra sera, d boti note,
d gobeti se davan le bote,
d gobeti se davan le bote,
se taseve ve digo perch.

Uno era 'l famoso Mattia,
l'altro era el fabrica inciostro,
che imbriago de grapa e de mosto,
insultava l'amico fedel.

El g'ha dito: "Va la te xe gobo".
L'altro allora g'ha dato risposta:
"Se mi son gobo ti no te xe drito
drio la schena te ghe un botesel".

Se g'ha dito parole da ciodi,
se g'ha dato careghe sul muso,
poi xe nadi a finire 'n quel buso
dove si beve un biccer de quel bon.

 

 

Tutti i contenuti di questo sito sono Copyright 2003 - www.mobrici.it - Tutti i diritti riservati / All rights reserved.
E' vietata la riproduzione anche parziale senza il consenso dell'autore.

Web design Gianfranco Mobrici